Home  /   AL.TR.U.I.S.M

Denominazione del Progetto. AL.TR.U.I.S.M



Progetto “AL.TR.U.I.S.M.” (ALzheimer patient’s home rehabilitation by a virtual personal TRainer-based Unique Information System Monitoring), in fase di realizzazione, finanziato con P.O. PUGLIA FESR 2007-2013 Linea 1.2 – Azione 1.2.4 Bando “Aiuti a Sostegno dei Partenariati Regionali per l’Innovazione”

Le tecnologie ICT per la riabilitazione psicomotoria non vedono al momento soluzioni che ne consentano l’impiego autonomo da parte dell’utente, allo stato attuale non esistono inoltre soluzioni specifiche per la demenza senile e in particolare per l’Alzheimer. Il presente progetto propone lo sviluppo di una sistema di riabilitazione remota tramite la realizzazione di un Virtual Personal Trainer, un terapista virtuale personalizzato che possa essere in grado di controllare il paziente durante la riabilitazione e consentire una valutazione da remoto dei progressi fatti con gli esercizi.
Gli aspetti fortemente innovativi riguardano la possibilità di sviluppare e proporre sul mercato una soluzione che sfruttando le tecnologie di visione attiva, renda possibile la misura di movimenti (gesture) in maniera accurata misurandone lo scostamento da sequenze prefissate.
L’innovazione risiede inoltre nella implementazione di microsistemi intelligenti indossabili che comunicano in modalità wireless per l’acquisizione in continuo di parametri vitali.
Una ulteriore innovazione consiste nella possibilità di mantenere uno storico degli esercizi svolti e della loro valutazione, la possibilità di ottenere trend delle performance e la visione dell’esecuzione.

Il paziente avrà a disposizione un kit formato dai seguenti elementi:

  • un set-top box collegato alla TV con accesso ad internet
  • una telecamera in grado di effettuare un riconoscimento delle gesture
  • un dispositivo elettronico in grado di rilevare parametri biomedici.

Il set-top box scaricherà dal server la sequenza di esercizi impostata per il paziente, ne riprenderà l’esecuzione e ne valuterà il grado di correttezza, rilevando nel contempo in tempo reale i parametri vitali tramite microsistemi indossabili (es. cerotto elettronico). Al termine dell’esercizio i dati salvati localmente (stream video, parametri vitali, punteggio ottenuto) verranno trasferiti sul server.
Il medico potrà eventualmente collegarsi al sistema in tempo reale, comunicare con il paziente tramite funzioni di videofonia o vedere in streaming a posteriori dei singoli esercizi svolti e del valore dei parametri rilevati. Il server fornirà inoltre strumenti di analisi dei dati raccolti, per valutare nel tempo il progredire della malattia e le variazioni da apportare agli esercizi assegnati.
Si renderà disponibile un prototipo del sistema che verrà testato da un numero di utenti compreso fra 5 e 10 in diversi contesti applicativi: utenti presso la propria abitazione e utenti presso centri diurni, residenze protette e case di riposo.

I principali parametri operativi saranno i seguenti:

  • Configurazione sul sistema di esercizi appartenenti a diversi programmi di riabilitazione cognitiva, stimolazione fisica e stimolazione psicologica. Sarà considerata positiva l’implementazione di non meno di 16 esercizi appartenenti a 8 diversi programmi.
  • Valutazione della efficacia del sistema comparando l’evoluzione temporale della patologia con l’analoga evoluzione riscontrata presso pazienti che svolgono la medesima terapia in ambito ospedaliero. Sarà considerato positiva la rilevazione di una evoluzione temporale più lenta di quella riscontrata in ambito ospedaliero.
  • Valutazione della efficacia nella gestione del tempo. Sarà considerato positiva la gestione da parte del medico di un numero di pazienti doppio rispetto a quelli gestiti in ambito ospedaliero nello stesso arco temporale.
  • Rilevazione dei parametri vitali. Verranno effettuate rilevazione di criticità legate a rilevamento istantaneo dei parametri vitali oltre la soglia di accettabilità e rilevazioni di caduta del paziente. Sarà considerata positiva la rilevazione corretta di criticità e cadute con una percentuale di falsi allarmi non superiore al 5%
  • Rilevamento delle gesture dell’utente. Sarà considerato positivo il riconoscimento dei movimenti del paziente con un tasso di errore non superiore al 5%.
  • Valutazione dell’MPI (Indice Prognostico Multidimensionale). L’MPI misura il gradi di fragilità dell’anziano e fornisce una valutazione della percentuale di mortalità a 6 mesi o ad un anno. Verrà considerato positivo un valore medio dell’MPI inferiore del 5% rispetto a quello analogo rilevato presso pazienti che svolgono la medesima terapia in ambito ospedaliero.

Apri PDF